16. 05. 11
posted by: mie

La sharing economy sta avendo un impatto sempre più decisivo nella quotidianità: dalle auto agli alberghi, fino alla cucina…

Colossi come Uber e Airbnb stanno catturando l’attenzione non solo dei turisti, ma anche di chi viaggia per lavoro. Alcuni non si sentono tuttavia sicuri, eppure ecco i motivi per cui non devono avere nulla da temere:

16. 05. 02
posted by: mie

Inviti cartacei o inviti digitali? Ha ancora senso, poi, parlare di inviti cartacei nell'era dell'iperconnessione?

Cosa attirerà il maggior numero di partecipanti? Non c'è una risposta giusta e una sbagliata.

16. 04. 25
posted by: mie

Quando arriva il momento di pianificare, organizzare e gestire un evento, la scelta della location è fondamentale perché condizionerà i seguenti punti:

  • Dimensioni della sede
  • Numero di partecipanti
  • luogo
  • Caratteristiche e servizi
16. 05. 09
posted by: mie

Quando si deve realizzare un app dedicata per un evento, spesso non ci si chiede se debba funzionare con o senza internet. Ma come, un'app senza internet?

Ebbene si, dobbiamo sempre tener presente che nel corso di un evento esistono mille variabili e mille possibilità. Non dare le cose per scontato è l'arma segreta dell'event planner.

16. 04. 29
posted by: mie

Quando arriva il momento di scegliere una sede per un evento, puoi decidere di andare sul sicuro o pensare fuori dagli schemi.

Nel primo caso puoi prenotare una sala conferenze in un albergo o in un centro congressi. Semplice, comoda, pronta. Ma banale.

Altrimenti puoi puntare su una serie di location che lasceranno i partecipanti a bocca aperta. Qualche spunto?

16. 04. 06
posted by: mie

La gente non ama i meeting aziendali. Ti sei mai chiesto il motivo?

Di solito è perché non sono molto funzionali. Infatti, il termine "riunione di lavoro" evoca immagini mentali di un gruppo di persone annoiate, intrappolato in una stanza senza finestre per un'ora con ciambelle stantie.

Non dev’essere per forza così. I meeting possono essere dei potenti mezzi per risolvere problemi, incoraggiare lo spirito di squadra, generare idee e chiamare altri ad agire.

16. 05. 06
posted by: mie

I social media – inutile dirlo – sono un’ottima cassa di risonanza per promuovere qualunque evento e coinvolgere i partecipanti. Sono particolarmente indicati per tutta quella fascia di pubblico conosciuta come Millennials (la generazione nata tra gli anni ’80 e il 2004), che utilizza giornalmente questi canali.

A differenza di Facebook, (che rimane il social media numero 1, anche se non ha le crescita esponenziale degli altri social), l’interfaccia di Instagram è semplice e minimal e punta tutto sul potere delle immagini. Nata come app, ora è il social di punta per molti brand nel campo della moda, del food e del travel con contenuti organici e campagne pubblicitarie.

16. 04. 27
posted by: mie

Quando si pianifica un evento aziendale, bisogna considerare ogni aspetto dell'esperienza: dal check-in, alla location, al catering…

Se l’evento durerà diversi giorni, alcune aziende scelgono di intrattenere i partecipanti con musica dal vivo. Ecco cosa puoi fare:

16. 04. 06
posted by: mie

La tecnologia sta certamente rivoluzionando il volto degli eventi. Ma sarà anche la fine degli incontri faccia a faccia e della figura dell’event planner?

C’è chi sostiene che i Millennials (ovvero le generazioni nate negli anni duemila) potrebbero tranquillamente passare la loro vita parlando esclusivamente tramite app ed emoji, sostituendo così l’interazione umana con la tecnologia.

Ma, domandiamoci, stiamo davvero crescendo la prossima generazione come socialmente incapace a relazionarsi faccia a faccia, dei cyborg incapaci di funzionare al di fuori dei social media?